giovedì 14 giugno 2012

Rain, rain and more rain

Chissà perché quando sei presa da tante cose da fare, da imprevisti, impegni e doveri ti si riempie la testa di progetti?
Sembra quasi che quando non puoi e sei sotto pressione ti vengano in mente molte più idee del solito e solitamente le scrivo su un diario, abbozzando magari un disegnino (tipo bambino dell'asilo) in modo da non dimenticarlo ma questa volta non ho fatto così, bensì ho avuto la malaugurata idea di iniziare i lavori che mi venivano in mente credendo che questo mi aiutasse a riprenderli in mano più velocemente.....che sbaglio!!!
Finisci per essere sommersa da lavori da fare e finisci per fare il botto!!!
Insomma, come mi giro e mi guardo intorno, trovo parti anatomiche di progetti iniziati, la maggior parte teste (detto così ha un che di macabro).... una testa per una sirena dalla coda rossa che vorrei fare, una fatina in steampunk con lo scheletro di metallo già fatto, le teste dei ciondoli che ho quasi terminato, una centaura che è già a buon punto e qualche altro pezzo di cui ancora non ve ne parlo ma tra tutti questi almeno uno l'ho finito.
E' una fata o meglio una fatina un po' bambina,  nata in questo periodo di continue piogge (ecco spiegato il titolo "pioggia, pioggia e ancora pioggia")....non so voi ma io non ce la facevo più..... non ho fatto nemmeno il work in progress...va beh... basta chiacchere ve la mostro subito e spero vi piaccia.














Alla prossima, baci

Anna