lunedì 30 dicembre 2013

Buon Anno - Happy New Year

Fra poche ore si chiude questo 2013 e confesso che non ne vedevo l'ora, un anno che per molti è stato difficile, ancor più di quanto lo sia stato per me e la mia famiglia e questo mi ferma dal lamentarmene troppo.
Spontaneamente mi viene voglia di sperare che il 2014 possa essere migliore, ma basta guardarsi attorno per rendersi conto di quanto invece è probabile che sia difficile ...beh devo dire che non è facile fare un augurio senza sembrare scontato e detto un po' così per dire, ma se si toglie anche la speranza che resta?
Perciò:

auguro a tutti un 2014 sereno e pieno di speranza 




Un grande abbraccio
Anna

martedì 24 dicembre 2013

Buon Natale

Vorrei trovare delle parole speciali per augurare Buon Natale, parole che scaldino il cuore, parole che donino speranza, parole che riempiano di gioia e che facciano sentire amati, coccolati e importanti, specialmente in un periodo come questo in cui stiamo vivendo, pieno di incertezze, ma per quanto cerchi, non riesco proprio a trovarle quindi spero vada bene anche un semplice

Buon Natale


Un affettuoso abbraccio 

Anna


mercoledì 4 dicembre 2013

Arpia

Questo è un periodo strano e non molto bello per me...lento, molto lento, ho ripreso la mobilità della mano e anche abbastanza del braccio, pensavo fosse la mia vecchia calcificazione e la borsite a dare problemi ma in realtà, la risonanza magnetica, oltre ai sopracitati, ha evidenziato una frattura composta del trochide omerale e mi hanno messo a riposo in attesa di visita ortopedica....quindi dovrò avere pazienza ancora per un po' e...cercare di non disperarmi troppo.
In periodi come questi, quando la noia e il non poter fare prendono il sopravvento, ti accorgi di quanto sei fortunata quando dici di essere piena di lavoro da non riuscire a trovare il tempo per fare tutto e ti riprometti che quando riuscirai a riprendere il tuo ritmo cercherai di non lamentartene più.....giurin giurello!!
Aiuto...sto invecchiando!!
Ma ora bando alle ciance...non posso fare molto, ma piano piano, stando attenta, tra un... uh, ahi e un ahia, sto cercando di fare qualcosina, volevo portare a termine la mia dia de los muertos, a dire il vero lei è già bella che finita mi manca solo la base ma visto che è un po' complessa, per adesso ho dovuto metterla da parte, intanto ho pensato di cercare di portare a termine un lavoro iniziato parecchio tempo fa, un'arpia e di preparare qualcosa di semplice per il Natale.
Vi mostro giusto qualche cosina .....



Alla prossima, un abbraccio

Anna

giovedì 31 ottobre 2013

Dia de los muertes 2° fase e...blocco!

Questa volta me la sono proprio andata a cercare!!!
Ora vi spiego....mio marito qualche tempo fa si è rotto il menisco ed ora è in attesa di risolvere il problema, però... le cose in casa e fuori casa sono tante da fare e si stavano accumulando, compreso l'erba in giardino che fra un po' per uscire avremmo dovuto usare tanto di machete, tipo giungla amazzonica e qui, ecco uscire la mia parte wonder woman ...LO FACCIO IO... e che ci vuole!!!
Tiro fuori il tosaerba e proviamo a metterlo in moto...niente non ne vuole sapere di partire, era domenica, dove trovi uno che te lo metta a posto di domenica?... Così, la mia seconda brillante idea della giornata...LO PROVO A FARE CON IL DECESPUGLIATORE !!!
Qui il marito comincia a dirmi ..."Anna non ce la farai, è pesante, ti farai male, lascia perdere...aspetta che venga a casa Valentino... lo farà lui"...io lo guardo, sto per desistere, mi giro indietro, vedo l'erba alta e mi convinco che ce la farò!
Costringo mio marito a mettermelo in moto ed inizio, comincio a vibrare come un enorme budino, dalla punta dei capelli fino all'unghia dell'alluce del piede, ma ormai ero decisa, l'avrei tagliata, piano piano, inizio un pezzo alla volta e vedo il giardino cambiare aspetto...però cavoli pesa!!...Arrivo fino all'orto e decido che basta, non ce la faccio più, mollo...però son stata brava ne ho tagliato metà.
Per tutta la sera continuo a tremare e... per farla breve, il giorno dopo mi sveglio con un dolore tremendo alla spalla e al braccio eh già... mi ero dimenticata di essere una felice proprietaria di una calcificazione alla spalla che ovviamente ha pensato bene di ricordarmelo regalandomi una dolorosissima borsite...così, riposo totale del braccio e con la sinistra non sono in grado di fare un tubo e la mia creaturina non vedrà la fine in tempo per queste festività e chissà quanto altro tempo passerà prima che possa riprendere a lavorare.
Morale della favola:....NON USATE MAI UN DECESPUGLIATORE !!!! Io...GIURO NON LO FACCIO PIU' !!!
Per il momento non mi resta che mostrarvi dove ero arrivata, a dire il vero ho fatto anche l'abito ma non riesco a fare la foto, quindi vi dovrete accontentare di queste.




Un abbraccio

Anna

martedì 15 ottobre 2013

Dia de los muertos

Che fine ha fatto il mio drago?....Un po' è andato avanti, ma ora l'ho messo in attesa.
Mi si è venuto a creare un problema...no, non con il drago, ma con tutti i lavori iniziati, praticamente l'angolino dove appoggio tutti i miei lavori, si è ritrovato ad essere super affollato, considerando che dovrei anche iniziare i lavori per Natale, non so più dove mettere le cose e pure le mani... non posso più andare avanti così... iniziando lavori e lasciandoli lì in miserabile attesa, così ho preso una storica decisione....finirne almeno qualcuno.....uff...quanto vorrei avere una mia craft room!!
Uno dei lavori da terminare è questa signorina, mi sono fatta affascinare dalla leggenda messicana Dia de los muertos ( se cliccate sul nome vi porterà alla spiegazione su wikipedia) e visto che il tema è giusto per il periodo, ho pensato fosse il caso di iniziare da lei.
Non mi manca molto, la parte modellata è finita, ora la devo scartavetrare per bene e dipingere, dopodiché, passerò al trucco e parrucco ed infine alla base...ce la farò a finirla a breve, in tempo per la festa dei morti?....boh...ci provo!!!



A presto, un abbraccio

Anna


domenica 15 settembre 2013

Il Drago e la Regina

Un nuovo inizio una nuova avventura e si.... perché di questo si tratta, visto che non mi accontento di quello che sono in grado di fare ma finisco sempre per mettermi alla prova, altrimenti che gusto c'è? .......Uno potrebbe anche finire per annoiarsi....mannaggia!!!
Giorni fa, ho iniziato un nuovo progetto, grande in tutti i sensi, ad iniziare dalla quantità di pasta che sto usando, finendo alle misure che avrà quando sarà terminato, ma erano anni che avevo voglia di provarci .....per farla breve..... ho iniziato un DRAGO!!!!
Ma chi me lo ha fatto fare?????????
Mi sta facendo impazzire ed imbiestialire....metti pasta di qua, togli di là ecc ecc ecc....non so quando e se mai riuscirò a finirlo....quasi sicuramente farò in tempo a finire altri lavori tra una pausa e l'altra.
Volevo fare un drago con la faccia da cattivo, un drago feroce ma ....arriva mia figlia e dice .....Ohhhhh che dolceeeeee........ed inizia ad accarezzarlo in testa.....grrrrrrrr..........mi sa che non ci sono riuscita..........forse invece che una regina accanto dovrei metterle ciuchino di Shrek *^____^*








Un abbraccio a presto

Anna

mercoledì 4 settembre 2013

La sirenetta rossa

Settembre è arrivato, l'estate ormai è agli sgoccioli, fra un po' inizieranno le scuole e si rientrerà nel solito tran tran.....l'estate mi mancherà anche perché da un po' di anni non riesco più a viverla come vorrei, spero ancora in qualche giornata di mare settembrino, giornate non troppo calde, poca gente in spiaggia, dove si può veramente oziare e rilassarsi senza essere continuamente disturbati.
Ma il cambiamento si avverte già, l'aria ha un profumo diverso, non so come spiegarlo, forse è solo una sensazione che però ti spinge a guardare oltre, ti nascono nuove idee e progetti nuovi lavori, incominci a pensare anche al Natale, insomma è come un po' ricominciare, una specie di capodanno.....ma torniamo con i piedi per terra......
Vi ricordate la mia sirena rossa, quella che le si era crepata tutta la coda  qui ?
Bene alla fine l'ho ripresa in mano, le ho rifatto la coda, cambiato il gioco d'acqua che non mi soddisfava e terminata, alla fine sono contenta di non averla cestinata e di com'è venuta, ora ve la mostro spero vi piaccia.










Prima di salutarvi, vi vorrei rendere partecipi di un paio di cose che mi hanno reso felice........
E' con orgoglio che vi comunico di essere stata inserita tra le artiste del sito  OOAK.it, è un onore per me trovarmi in mezzo a così tante artiste italiane e internazionali.
Se cliccate qui, verrete indirizzati sulla pagina a me dedicata


Inoltre è anche un onore cumunicare che sono stata inserita tra le artiste italiane di Ooak Word Italia , e qui troverete la mia pagina con alcuni miei lavori.



Grazie per avermi sopportato e a presto.
Un abbraccio

Anna

martedì 9 luglio 2013

Fatina della foresta - Fairy of the forest

Eh si......è proprio una discola.....non vedeva l'ora di togliersi le scarpe.
Ama troppo stare a contatto con la natura e le scarpe sono forse una delle più grosse costrizioni....vuoi mettere sentire l'erba, l'acqua, la terra e quant'altro sotto i piedi?.....E' paradisiaco!!!.... E lei lo sa benissimo ed appena può, eccola saltare tra i funghi togliendosi le scarpe, inutili le raccomandazioni.....”non ti togliere le scarpe che poi le dimentichi in giro...attenta a non sporcarti …...ti farai male.”
Mi ricorda una bambina di tanti anni fa, persa un po' in un passato che non tornerà che amava correre e saltare in mezzo l'erba dei prati, senza scarpe e che non le faceva male nemmeno camminare sopra i sassi anzi lo trovava quasi piacevole, l'importante era avere i piedi liberi, liberi per sentire..... 











 



Un "caloroso" abbraccio.

Anna


giovedì 27 giugno 2013

Fatina della foresta

Dopo un po' di tempo, torno finalmente con un lavoro fatoso.....mi mancavano le mie fatine...è inutile....posso passare da una tecnica all'altra, mi posso prendere tutte le pause possibili, ma poi, devo per forza tornare a loro, mi mancano e mi chiamano fino a che non decido di dare vita ad una di loro.
Questo progetto a differenza del solito, è nato partendo dalla basetta, l'idea mi era venuta in quei giorni di pioggia di qualche settimana fa, mi chiedevo se prima o poi con tutta la pioggia che stava facendo, avrei visto sbucare dei funghi in giardino, magari proprio sotto i miei occhi.
I funghi si sa... sono uno dei frutti della terra preferiti dalle fatine, esse si nascondono dietro a loro, ci si siedono sopra come fossero dei troni di chissà quale fantastico castello ed ecco l'idea.........





Ed ecco lei, è poco più di una bambina ma ha un caratterino per niente docile......



Ancora qualche particolare e farà il suo debutto in società!!

Un abbraccio
Anna

martedì 18 giugno 2013

Collane in mokume gane

Finalmente è arrivata l'estate anche se dopo una primavera così piovosa con temperature tipicamente autunnali, questo primo picco di caldo si fa sentire....mamma che fiacca!!.......va beh....sarà anche vero che non siamo mai contenti!

Sto lavorando su più progetti contenporaneamente....cosa non insolita per me...a quanto pare amo complicarmi la vita.... e in quasi ogni progetto che sto facendo, mi sono bloccata in alcuni punti, in un paio sulla base, in uno non trovo le piume come cerco e così via.... senza considerare la pasta che con il caldo sembra sciogliersi tra le mani.
Prima di incominciare a mostrarvi ciò che sto facendo, vi faccio vedere come sono venute le collane realizzate con il mokume gane che vi avevo mostrato qualche settimana fa qui .
Premetto che non ho fatto molte collane lunghe in vita mia, non sono una grande appassionata ma me le hanno chieste, così eccole qua.
Questo ciondolo è diventato

 

 il motivo laterale di questa collana, mentre questo



è diventato il motivo centrale di quest'altra e devo ammettere che anche se non ho grande passione per le collane lunghe, indossate non stanno affatto male. 

Un abbraccio 
Anna

lunedì 27 maggio 2013

Tutorial....Penna con stelle in Mokume Gane

Parecchio tempo fa, avevo realizzato per un SAL, una penna con la tecnica del Mokume Gane, mi era piaciuto molto realizzarla anzi, avevo finito per realizzarne più di una .
E' piaciuta molto anche a mia figlia, tanto che mi aveva chiesto di mostrarle come si facevano e così, abbiamo colto l'occasione per realizzare un tutorial e ora dopo quasi due anni finalmente l'ho sistemato e lo inserisco …...eh si sono un po' pigra......ma confesso che ero anche un po' delusa da alcune persone che si erano appropriate dei miei tutorial per usarli in corsi a pagamento.




Occorrente:

Fimo del colore che preferite ma va bene anche qualsiasi altra pasta polimerica,
Fimo trasparent,
Sfoglia d'oro,
Macchina stendi pasta,
Lama o taglierino,
Pennelli,
Una piastrella 10 x 10,
Vecchi ferri da calza che non utilizzate.

Iniziamo con il preparare i ferri da calza che ci serviranno come dimo per la nostra penna.
Ho preso due vecchi ferri che non utilizzavo più da tempo, con il seghetto da ferro li ho tagliati in modo che avessero la misura per poter stare comodamente nel mio fornelletto.

  
Ora prendiamo il fimo trasparent, lo ammorbidiamo e con l'aiuto della stendi pasta ne tiriamo una sfoglia sottile che appoggeremo sulla nostra piastrella e con la lama ne regoliamo un po' i margini.


Ora con l'aiuto di un pennello morbido, stendete una sfoglia d'oro e ritagliate l'eccesso,


tirate un'altra sfoglia sottile di trasparent e appoggiatela sopra alla sfoglia d'oro premendo leggermente e facendo attenzione che non si creino bolle d'aria tra i due strati.


Ripetete la stessa operazione per circa 5 -6 volte o anche più volte.
Con la lama, ora tagliate a metà la piastrellina così ottenuta.


Appoggiate una sfoglia d'oro su una delle metà e appoggiatevi sopra l'altra metà premendo leggermente .


Adesso con, il fondo di un pennello o un bulino o qualsiasi altra cosa, premete con decisione sulla pasta facendo dei buchi a varie profondità.


Fate delle palline sempre con il fimo trasparente e riempite i vari buchi.


Giratelo sottosopra e premete un po' con le dita, senza appiattirlo,


con la lama tagliate via delle fettine sottilissime e tenetele da parte.


Ora passiamo alla penna vera e propria , tirate una sfoglia di fimo del colore che volete, spessa qualche millimetro e arrotolatela attorno al ferro da calza per la lunghezza che volete,


incominciate a ricoprire questa base con le sfoglie di Mokume Gane.


Il Sal a cui avevo partecipato come filo conduttore aveva le stelle per cui avevo pensato di inserirne qualcuna qua e là.
Mi sono costruita un mini cutter con il dietro di una matita di quelle con la gomma da cancellare .


  Ho tirato una sfoglia di fimo bianco e.....


...con il cutter, ho tagliato varie stelline


che poi ho applicato casualmente sulla mia penna , ora rotolate la penna sul piano di lavoro, in modo da togliere gli scalini tra le varie sfoglie e rendere il tutto più liscio e omogeneo.


A questo punto non resta che cuocere la penna seguendo le indicazioni riportate sul pacchetto da parte del produttore della pasta che state usando.
Appena cotta tiratela fuori ancora calda ma non da bruciarvi, togliete il ferro da calza e buttatela in un contenitore con acqua fredda dove avrete aggiunto anche del ghiaccio, questo dovrebbe aggiungere maggiore trasparenza al fimo trasparent.


Ora con una pallina del colore di base da voi scelto premetela sul fondo della penna,


rotolatelo sul piano di lavoro e


aggiungete qualche fettina di Mokume Gane

 
rotolate nuovamente e infornate di nuovo .


Ora, se il buco per inserire la vostra penna fosse troppo stretto con un taglierino tagliate a piccole fette fino a raggiungere la larghezza voluta.



E la penna è terminata, non vi resta che darle una bella passata di carta vetrata di quella che si può bagnare, di solito parto con la 500 poi passo alla 800 e per finire, alla 1000, in questo modo si tolgono eventuali irregolarità e diventa bella liscia, per ultimo passo un paio di mani di vernice protettiva .


Per concludere vi mostro altri lavori che ho realizzato usando questa tecnica, cambiando semplicemente i colori e qualche particolare.

Ad esempio, in questo lavoro, ho aggiunto l'impugnatura ad uno dei miei attrezzi per modellare, ho usato avanzi di fimo di vari colori mescolati grossolanamente tra loro e tra una sfoglia e l'altra invece della sfoglia d'oro ho usato quella d'argento.


Cambiando alcuni colori ho realizzato anche questi ciondoli e perle che utilizzerò per alcune collane, ma ci sono molte variazioni che si possono fare e tutte molto belle, sta a voi esperimentare ciò che più vi suggerisce la vostra fantasia.

Delle perle per un bracciale...


 il soggetto e alcune perle per una collana


lo stesso lavoro ma con un colore di base diverso


e per finire un ciondolo rosso.....si capisce che il rosso è il mio colore preferito?


Se cliccate sul link sotto la foto oppure sulla pagina dei miei tutorial potete scaricare la versione pdf .




Sul blog di mia figlia potete vedere altri esempi di penne fatte da lei.

Bene.....il tutorial è terminato, spero vi sia piaciuto e lo abbiate trovato utile.

Un abbraccio

Anna